DETTI E MODI DI DIRE

Bergamasca.net © Tutti i diritti riservati. - ALL RIGHTS RESERVED

 

 

Vogliamo quì presentare una raccolta di “Detti”, frutto di una ricerca e studio fatta in varie zone della bergamasca. Modi di dire che possiamo tuttora sentire, anche se, nei discorsi sono sempre più rari, con il rischio che vadano a scomparire. Un lavoro che, per sua natura, non può ritenersi ne essere mai completato.

DETTI E MODI DI DIRE

A

  • A copà ü pöles de zenér a se n’ còpa ü sentenér.
  • Ad uccidere una pulce il mese di gennaio, se ne uccide un centinaio. 
  • A cus senza grop a s’cus per negòt.  
  • Chi cuce senza fare il nodo, cuce invano.
  • A fà di mestèr che no s’s'è bù, a l’ve lóngh la barba.
  • A fare mestieri che non si conoscono, si perde un sacco di tempo..
  • A fa ‘l siòr senza entrada l’è öna éta busèrada.
  • Fare il ricco senza entrata è una vita tribolata.
  • A fa ‘l cönt sensa l’ostèr bisogna fal do olte.
  • Chi fa il conto senza l’oste deve farlo due volte.
  • A fabbricà ‘n piassa, chi la öl volta, chi la öl bassa.
  • Chi fa le cose in pubblico, finisce con l’accontentare nessuno.
  • A l’ creperà la aca a ü pòer òm.
  • Creperà la vacca ad un pover uomo.
  • A l’ piöf ol formài sö i macarù.
  • Piove il formaggio sui maccheroni
  • A l’ val mia a cór basta rià a üra.
  • Non serve correre, basta arrivare in orario.
  • A menàla tròp la spössa.
  • A rimestarla troppo, puzza.
  • A pissà contra ‘l vent as’ bagna i braghe.
  • Chi orina contro vento finisce col bagnarsi i pantaloni.
  • A sto mond al val miga a esga, ma ‘l val a saìga stà.
  • Non è tanto importante essere al mondo, ma saperci stare.
  • A töte i mame ghe par bei i sò s-cècc.
  • A tutte le mamme sembrano belli i loro figli.
  • A zögà mia s’é sigür de èns.
  • A non giocare si è sicure di vincere.
  • A’nda al möli as’ s’infarina.
  • Chi va al mulino si infarina.
  • Ai caai magher al ghe cor drè töte i mosche.
  • Ai cavalli magri corrono dietro tutte le mosche.
  • Ai poveri corrono dietro tutte le disgrazie.
  • Amùr de fradèi amùr de cortèi.
  • Amore di fratelli, amore di coltelli.
  • Amùr e geloséa i nas in compagnéa.
  • Amore e gelosia nascono in compagnia.
  • Aria de fessüra, aria de sepoltüra.
  • Aria di fessura, aria di sepoltura.
  • As’ gh’à du sachèi, ü denàcc e ü de dré.
  • Si posseggono due bisacce, una davanti e una di dietro.
  • A s’ sènt la Madóna a pestà ‘l lard.
  • Si sente la Madonna che pesta il lardo.
  • Avril Avrilèt  ü  dé cold, ü dé frècc.
  • Aprile apriletto, un giorno fa caldo , un giorno fa freddo.

B

  • Basta adóma ölì che s’ ga rìa a fà töt.
  • Basta volere che si può far tutto.
  • Basta nóma ölì che s’ga rìa a fà töt.
  • Basta volerlo che si può fare tutto.
  • Bèl in fassa, bröt in piassa.
  • Bello in fascia, brutto in piazza.
  • Bergamàsch, u l’ la fa de coiò per no pagà dasse.
  • Bergamasco, si finge minchione per non pagare dazio.
  • Betegà mia, parlà ciàr, fò di décc.
  • Non balbettare, parlar chiaro e deciso.
  • Bisognerès viga di amis ach a cà del diaol.
  • Bisognerebbe avere amici anche a casa del diavolo.
  • Biót cóme ün èrem.
  • Nudo come un verme.

C

  • Caàl pisseni ‘l pàr sèmper poledri.
  • Cavallo piccolino pare sempre un puledrino.
  • Cà sò e po’ piò.
  • Casa sua e niente più.
  • Cargàt cóme ün àsen.
  • Con tanti bagagli da portare.
  • Casà fò i orège, sgüràs i orège.
  • Ascoltare bene.
  • Cassà o mèt töt in d’ü sach.
  • Fare di ogni erba un fascio.
  • Catìv cóme ‘l pecàt.
  • Cattivo come il peccato.
  • Chèl che böta böta.
  • Quel che succede succede.
  • Chèl che ghe öl, ghe öl.
  • Quello necessario ci vuole.
  • Chi à facc ol mal, faghe a’ la penitenza.
  • Chi a fatto il male, faccia anche la penitensa.
  • Chi à mangiat la carne, al mange a’ i òss.
  • Chi a mangiato la carne, mangi anche le ossa.
  • Chi bèl völ comparì, impò d’ mal l’à de sofrì.
  • Chi vuol apparire bello, deve patire un po’ di dolore.
  • Chi è del mestèr pöl di ‘l so parèr.
  • Chi è del mestiere può esprimere il suo giudizio.
  • Chi è söpèrbe è a’ ignorànt.
  • Chi è superbo e anche ignorante.
  • Chi gh’à la rogna, se la grate.
  • Chi ha la rogna se la gratti.
  • Chi gh’à tórt, ‘l vusa più fórt.
  • Chi ha torto grida più forte.
  • Chi gh’à ü mestér i tróa ‘l pà de per töt.
  • Chi ha un mestiere non muore mai di fame.
  • Chi no pöl fà come l’völ, a l’faghe cóme l’pöl.
  • Chi non riesce a fare come vuole, faccia come può.
  • Chi non gh’à antadùr i se anta d’ per lur.
  • Chi non ha estimatori si vanta da solo.
  • Chi öl ol póm, bate la rama; chi öl la s-cèta carèse la mama.
  • Chi vuole la mela, batta il ramo, chi vuole la figlia accarezzi la mamma.
  • Chi tròp i stödia,macc i deènta e chi no i stödia, pórta la brènta.
  • Chi studia troppo diventa matto, chi non studia fa il portabagagli.
  • Co i sólcc a s’ fà de töt.
  • Con i soldi si può far tutto.
  • Cóme a s’ fà a s’ pènsa.
  • Come si agisce si pensa.
  • Con piö s’ laura, piö s’ va ‘n malura.
  • Più si lavora, più si va in malora.
  • Cöntà comè l’òmbra d’ün àsen.
  • Vale quanto l’ombra di un asino.
  • Cór come ü cà livrér.
  • Corre velocemente.
  • Credì de robà ‘l lard a la gata.
  • Pensare di poter rubare il lardo alla  gatta.

D

  • Daga mia del pasalà.
  • A chi ha ancora molto da fare.
  • De sèt agn a s’s'è s-cècc, de setanta s’sè amo chèi.
  • A sette anni siamo ragazzi, a settanta siamo ancora quelli.
  • Destùrcet fò  -  desciùlet fò.
  • Finisci il discorso o il lavoro.
  • Dì mai che te gh’n'è gna ü.
  • Non dire mai che non ne hai neanche uno.
  • Non dire mai che non hai neppure una lira.
  • Di ólte al val piö la lapa che la crapa.
  • volte vale di più la lingua che l’intelligenza.
  • Di ólte al val piö la lapa che la sapa.
  • A volte vale di più la lingua che la zappa.
  • Drécc cóme ü füs.
  • Diritto come un fuso.
  • Dür con dür, per fa che s’ faghe, nò farà mai ü bù mür.
  • Duro con duro, per quanto si faccia, non faranno mai un buon muro.

E

  • Ècc cóme l’Bacöch.
  • Vecchio come il Bacucco.
  • Èss amò ‘n del cap di sìch pèrghe.
  • Essere ancora all’inizio.
  • Èss l’öltima röda del car.
  • Non contare niente.
  • Èss mia bù de di dò paròle.
  • Non saper dire due parole.
  • Èss sèmper istàcc sóta ‘l bigaröl de la mama.
  • Non è mai uscito dal paese.
  • Èss söcc de parole.
  • Parlare poco.
  • Ėss disperàt e sbioch comè san Quinti.
  • Essere disperato e a bolletta come San Quintino.
  • Ėss indré ü car de rèf.
  • Essere indietro smisuratamente.
  • Ėss ne l’età de la stupidera.
  • Essere nell’età dell’adolescenza.

F

  • Fa cös ergü co l’ài
  • Tormentare qualcuno.
  • Fa èd la lüna ‘n del pòss.
  • Imbrogliare qualcuno.
  • Fà ün öv fò de la cagna.
  • Fare una cosa straordinaria.
  • Fàghen öna pòrca a ergü.
  • Fare un tiro a qualcuno.
  • Fals cóme Giüda.
  • Falso come Giuda.
  • Famàt cóme ü lüv.
  • Affamato come un lupo.
  • Fàn dét öna di sò.
  • Farne una delle sue.
  • Fàs öna resù, mèt ol cör in pas.
  • Farsene una ragione, mettere il cuore in pace.
  • Fà e desfà, l’è töt laurà.
  • Fare e disfare è tutto lavorare.
  • Fì chèl che ve dighe e mia chèl che fó.
  • Fate quello che vi dico e non quello che faccio.
  • Fórt come ü leù.
  • Forte come un leone.
  • Fortünada chèla spüsa, che la prima l’è öna tusa.
  • Fortunata quella sposa, la cui prima è una figlia.

G

  • Gacc inguantàcc i ciapa mìa racc.
  • Gatti inguantati non acchiappano topi.
  • Ghè reméde a töt, fò che a la mórt.
  • C’è rimedio a tutto fuorchè alla morte.
  • Ghè reméde a töt, fò che a l’òss del còl.
  • C’è rimedio a tutto fuorchè all’osso del collo.
  • Gna a tàola gna ‘n lècc, ga öl mìa rispècc.
  • Né a tavola né a in letto è bene fare complimenti.
  • Grassa cüsina, màgher testamènt.
  • Grassa cucina, magro testamento.

I

  • I disgràssie no i è öna se no i è dò.
  • Alla prima disgrazia ne succede sempre un’altra.
  • Ignorànt cóme öna böba.
  • Ignorante come una upupa.
  • I mestér i dis: o èndem o tèndem.
  • I mestieri dicono: vendimi o controllami.
  • I òmegn i gh’à i agn ch’ì se sènt e i dòne chèi ch’i dimóstra.
  • Gli uomini hanno gli anni che si sentono le donne quelli che dimostrano.
  • I pensèr i fà ègn vècc prima del tép.
  • I pensieri fanno invecchiare più in fretta.
  • I sólcc i và e i vé.
  • I soldi vanno e vengono.
  • I zùegn i pöl mör, ma i vècc bisògna ch’i möre.
  • I giovani possono morire, ma i vecchi devono morire.
  • Impó per ü l’ fa mal a nissü.
  • Un po’ per uno non fa male a nessuno.
  • In cà sò s’pöl gód la libertà
  • A casa tua puoi godere la libertà.
  • In d’öna cà gh’è sèmper del defà.
  • In casa c’è sempre da fare.
  • In del bisògn l’è bù töt.
  • Nel bisogno è tutto buono.
  • In töcc i mestér gh’è la so malissia.
  • In tutti i mestieri c’è la sua malizia.
  • Indà dré a ergü col söchi d’la mél.
  • Parlare a qualcuno con le buone.
  • Indà de per lur.
  • Andare da soli.
  • Indà de caàl in àsen.
  • Andare di male in peggio.
  • Indà vià la òia.
  • Perdere la voglia di fare.
  • Indà vià söl piö bel.
  • Andare via sul più bello.
  • Indoè gh’è ‘l defà, gh’è a ‘l dedì.
  • Dove c’è da lavorare c’è anche da discutere.
  • Intrégh cóme öna bóra.
  • Ignorante.

M

  • Maiamét de fidech.
  • Mangiarsi il fegato.
  • Mangià d’ la sal per iscödìs la sit.
  • Mangiare sale per alleviare la sete.
  • Mangià ergót issé, ‘mpé.
  • Mangiare qualcosa in piedi.
  • Mèt sö la pèl.
  • Arrischiare la vita.
  • Mèt vià ‘l pensér, Mèt zo ‘l pensér.
  • Abbandona l’idea.
  • Mort ü candeli s’impìa öna tórsa.
  • Spenta una candela si accende una torcia.

N

  • ‘N se mia gnamò a mètà strada.
  • Non siamo ancora a metà del percorso.
  • Negòsse de legnàm, gran fracàss e póch guadàgn.
  • Negozio di legname, molto rumore e poco guadagno.
  • Nèt cóme ü spècc.
  • Pulito come uno specchio.
  • ‘Ndo l’ gh’è di campane, a l’ gh’è a’ di pötane.
  • Dove ci sono campane, ci sono anche puttane.
  • No basta pödi, bisogna ölì.
  • Non basta potere, bisogna volere.
  • No l’ghe n’è mia.
  • Non c’è più niente.
  • No s’pöl mia fa du mestér in d’öna ólta.
  • Non si fanno due lavori assieme.
  • No stè a pensà de ‘nda vià.
  • Rimanete.
  • Non l’farèss gnach a ‘ndoràm.
  • Non lo farei neanche a pagarmi in oro.

O

  • Ognü ’l sò mestér.
  • A ognuno il suo mestiere.
  • O pagà, o pregà, o scapà.
  • O pagare, o pregare, o scappare.
  • Òia de laurà sàltem adòs.
  • Voglia di lavorare stammi lontana.
  • Òia o mìa òia, ol mîs de mas  ‘l  böta la fòja.
  • Voglia o non voglia, maggio porta la foglia.
  • Öna cà sensa ècc l’è compàgn d’öna cà sensa tècc.
  • Una casa senza vecchi è come una casa senza tetto
  • Ol dé del sant del sò nom.
  • Il giorno del suo onomastico.
  • Ol fà l’insègna a fa.
  • Il fare insegna a fare.
  • Ol mestér del Michelàs: maià, bif e ‘ndà a spas.
  • Un bel mestiere, mangiare, bere e fare il turista.
  • Ol prim amùr no se ‘l desmèntega mai.
  • Il primo anore non si scorda mai.
  • Ol Signùr a l’àbia ‘n gloria.
  • Dio gli dia pace.
  • Ol Signùr al lassa fa, ma mìa strefà.
  • Dio lascia fare, ma non strafare.
  • Ol vì bù l’fà bé.
  • Il vino buono fa bene.
  • Ol vì l’fà di la erità.
  • Il vino fa dire la verità.
  • Òm visàt l’è mès salvàt.
  • Uomo avvisato è mezzo salvato.
  • Òna bèla asta de òm.
  • Un uomo di bella statura.
  • Öna l’ha fà, e l’ótra l’la pènsa.
  • Una ne fa e una ne pensa.
  • Öna ólta che l’è öna ólta.
  • Una volta sola.
  • Öna ólta l’cór ol cà, öna ólta la légor.
  • Una volta corro io, una volta corri te.
  • Öna rasciata dè raisù, per öna s-cèta buna in töte le stagiù.
  • Ad una ragazza desiderata per un matrimonio in qualsiasi periodo dell’anno.
  • Öna rasciada de trefòi per öna s-cèta che me no la voi.
  • Una manciata di trifoglio per una ragazza che io non voglio.

P

  • Pà, vì e söche e se l’ völ fiocà, che l’ fiòche.
  • Pane, vino e zucche e se vuol nevicare che nevichi.
  • Paìs de no stàga gna pitüràt.
  • Paese da non abitarci.
  • Pansa pièna no pensa a chèla öda.
  • Chi ha la pancia piena non si cura di chi ha la pancia vuota.
  • Parlà francès cóme öna aca spagnöla.
  • Parlare francese come una vacca spagnola.
  • Parlà fransés o latì cóme öna aca spagnöla.
  • Parlare malamente una lingua.
  • Parola décia e sassada tracia nò i turna piö ‘ ndrè.
  • Parola detta e sasso tirato non possono tornare indietro.
  • Paròle che pèla zò la pèl del müs.
  • Parole che spellano la faccia, cattive.
  • Parole ingiuriose.
  • Pastisèr, fà ol tò mestèr.
  • Pasticcere, fai il tuo mestiere.
  • Pelà la póia sènsa fala usà.
  • Fare una cosa delicatamente.
  • Pènsa bé per no pecà, pènsa mal per no sbaglià.
  • Pensar bene per non peccare, pensar male per non sbagliare.
  • Polènta e öna spiga d’ai, ma la sò libertà.
  • Polenta con uno spicchio d’aglio, ma la propria libertà.
  • Pötost che tö ü vècc co’ la barba grisa, l’è mèi tö ü zùen senza camisa.
  • Piuttosto che sposare un vecchio con la barba grigia è meglio sposare un giovane senza camicia.
  • Prècc e fra, caàga ‘l capèl e lassai ‘ndà.
  • Davanti a preti e frati, cava il cappello e poi lasciali andare.

Q

  • Quando ‘l batès l’è facc, töcc i völ vès ghidàss.
  • Quando il bambino è ormai battezzato, tutti vogliono fare il padrino.
  • Quando ‘l piòf ol dé d’ Pasqua, töte i feste i sguassa.
  • Quando piove a Pasqua, piove tutte le domeniche.
  • Quando ol póm l’è marùt, a l’ cróda.
  • Quando la mela è matura, casca da se.

R

  • Ram dè albàra per öna s-cèta che la bala.
  • Per una ragazza volubile
  • Ram dè biancospì per öna s-cèta d’amur fì.
  • Per una ragazza d’animo delicato un ramo di biancospino.
  • Ram dè onèss per öna s-cèta che la marséss.
  • Per una ragazza che faceva la difficile e che rischiava di restare zitella.
  • Ram dè pighéra per öna s-cèta ligéra.
  • Per una ragazza di poca volontà.
  • Ram dè rubìna per öna s-cèta che ruìna.
  • Per una ragazza seminatrice di pettegolezzi.
  • Ram dè serésa per öna s-cèta che va ‘n césa
  • Per una ragazza devota un ramo di ciliegio.
  • Ròba esebìda, ròba avilìda.
  • Merce offerta, merce avvilita.

S

  • Schéss cóme öna sardèla.
  • Piatto come una sardina.
  • Scùa nöa scùa bé.
  • Scopa nuova scopa bene.
  • Se Bèrghem fös al pià, sarès piò bel de Milà.
  • Se Bergamo fosse in pianura, sarebbe più bella di Milano.
  • Se l’è mìa ü cà ‘l sarà öna cagna.
  • Se non è un cane, sarà una cagna.
  • Sech cóme ü bacalà.
  • Asciutto come il baccalà.
  • Serà fò ls stala quando l’è scapàt i bö.
  • Mettere il lucchetto dopo che hanno rubato.
  • Sgiùf cóme ü baghèt.
  • Gonfio come una cornamusa.
  • Sólcc e amicissia i rómp ol còl a la giöstissia.
  • Soldi e amicizie rompono il collo alla giustizia.
  • Sólcc e pecàcc i è mal giüdicà.
  • Soldi e peccati non si possono giudicare.
  • Sólcc fà sólcc e miséria fà miséria.
  • Soldi fanno soldi e miseria fa miseria.
  • Spènd la paròla di òter.
  • Spacciare la parola altrui.
  • Spetà chi no é.
  • Aspettare inutilmente.
  • Spórch cóme ü sunì.
  • Sporco come un maiale.
  • Stà ‘mpé ‘ntàt che te ènde.
  • Fai il bravo intanto che ti stò vendendo.
  • Sténch cóme ü pal.
  • Diritto come un palo.
  • Surd cóme öna talpa.
  • Sordo come una talpa.
  • Svèlt cóme ü folèt.
  • Svelto come un folletto.
  • Svèlt cóme ü gat de màrmor.
  • Svelto come un gatto di marmo. Pigro.

T

  • Tal paìs, tal üsansa.
  • Ogni paese la sua usanza.
  • Tance póch i fa ü tantì.
  • Tanti poco fanno qualcosa.
  • Teà i pagn adòss a ergü.
  • Dir male di qualcuno.
  • Töcc i dé n’ ne passa ü.
  • Tutti i giorni passa un giorno.
  • Trà sö ‘l fé in casina.
  • Portare il fieno in cascina.

U

  • Ü piàt de buna céra la cósta negót.
  • Una buona cera non costa niente.
  • Ü sul al pöl mia rià d’ per töt.
  • Uno solo non può arrivare d’appertutto.

V

  • Và a móls l’àsen col tenài.
  • Per dire a uno che sta raccontando balle.
  • Vì che l’à ciapàt ü tantì de fort.
  • Vino che ha preso un pò d’aceto.
  • Vì che l’va zó cóme ün öle.
  • Vino che scivola giù come l’olio.
  • Vì che salta ‘n del bicér, vì de bìv söbet.
  • Vino buono, vino da bere subito.
  • Vì slongàt zó co l’aqua.
  • Vino allungato con acqua.

Z

  • Zèt de confì, o lader o assassì.
  • Gente di confine, o ladri o assassini.
  • Zo ì e sö sit.
  • Giu vino aumenta la sete.